[A Tommaso Grossi]

Insieme editoriale: Poesie / Poesie varie

Biglietto in versi di tono scherzoso: Manzoni rivolge le proprie scuse a Grossi con il quale, insieme a Visconti, avrebbe dovuto incontrarsi a passeggio per la strada fiancheggiata dai «pioppi» e dal «rio» (v. 4), cioè per la via di Porta Orientale (ora Porta Venezia, l'«ampia e diritta via fiancheggiata da pioppi» ricordata anche in Fermo e Lucia, III, 5: ISELLA 2006, vol. I, p. 359). I due amici erano infatti rientrati in città passando da Porta Nuova e avevano lasciato il povero Grossi ad attenderli inutilmente («Da Porta Nuova (si può far di peggio!) / Bravamente entravam Visconti ed io», vv. 5-6). L’indicazione riportata da Manzoni in calce ai versi, «Parte Quarta, St. 62», è da riferirsi alla novella in versi di Grossi Ildegonda, che Manzoni qui parodizza («Amata figlia, il veggio, è troppo tardo, | È vano in tutto il pentimento mio: | Pur so che m'ami; e l'ultimo tuo sguardo | Non sdegnerà lo scritto che t'invio. | Deh perdonami, e prega il tuo Rizzardo, | Che non chiami vendetta innanzi a Dio. | Pensa che il tuo fratello è mio nemico, | Ch'ei m'ha tradito, e ch'io ti benedico»). La strofa è numerata LXII solo nella prima edizione dell'opera apparsa nel settembre 1820 (cfr. Ildegonda. Novella di Tommaso Grossi, Milano, Ferrario, 1820), mentre prenderà il numero LXVII nella seconda (Milano, Ferrario, 1821). È dunque probabile che il biglietto sia stato scritto quando Ildegonda era «fresca di stampa», anche a testimoniarne l'«avvenuta attenta lettura», cfr. MARCHI 1990, p. 151, ripreso da SARGENTI 2005, vol. I, p. 251 e poi da CARTEGGI LETTERARI 2016, pp. 107-108.

Incipit
Amato Grossi, è troppo tardo, il veggio
Metro
ottava di endecasillabi con schema ABABABCC
Storia del testo

I versi furono rinvenuti tra le carte Grossi del CNSM (dono Pozzi; cfr. GHISALBERTI 1941, p. 245). Il foglietto, di piccole dimensioni, privo di data e firma, era ripiegato e recava sul lato esterno il nome del destinatario del messaggio: «Al Sig. Avvocato Grossi. SPM». La datazione si ricava dall'allusione a una strofa della novella di Grossi, Ildegonda, numerata LXII nell'edizione uscita a Milano da Ferrario nel settembre 1820. Ma già CHIARI-GHISALBERTI 1957, p. 905, pur senza riconoscere il legame intertestuale, aveva ricondotto ideazione e stesura dell'opera al periodo durante il quale Grossi abitava al pianterreno della casa di Manzoni (in via Morone 1), in due stanze attigue allo studio dell’autore. Si tratta in effetti degli intensi anni che videro da un lato Grossi impegnato nella scrittura della novella e poi dei Lombardi alla prima crociata e dall’altro Manzoni in quella del romanzo, sempre con l’assidua presenza dell’amico Visconti: sui rapporti fra i tre amici, particolarmente stretti, e su questa corrispondenza scherzosa, cfr. anche BARBI 1939A, pp. 66, 76.

Date di elaborazione

p. q. settembre 1820


Testimoni manoscritti
  • Carte Grossi • Milano, Biblioteca del Centro nazionale di studi manzoniani
    (minuta autografa della lettera)

Prima edizione
  • A TOMMASO GROSSI 1904 = A Tommaso Grossi. Commemorandosi in Treviglio il Cinquantenario della sua morte, Treviglio, Tip. Messaggi, 1904
    (p. [6])

Edizioni di riferimento
  • CARTEGGI LETTERARI 2016 = Manzoni Alessandro, Carteggi letterari, introduzione di Gino Tellini, a cura di Laura Diafani e Irene Gambacorti, Milano, Centro nazionale studi manzoniani, 2016 (Edizione nazionale ed europea delle opere di Alessandro Manzoni: testi criticamente riveduti e commentati, diretta da Giancarlo Vigorelli, vol. 29.2.1)
    (lettera n. 30, p. 107, note alle pp. 107-108 (con riproduzione dell'autografo))
  • SARGENTI 2005 = Grossi Tommaso, Carteggio 1816 - 1853, A cura di Aurelio Sargenti, Milano, Centro Nazionale Studi Manzoniani; Varese, Insubria university press, 2005 (Quaderni dell'edizione nazionale ed europea delle opere di Alessandro Manzoni, 6)
    (vol. I, p. 251.)
  • BOGGIONE 2002 = Manzoni Alessandro, Poesie e tragedie, a cura di Valter Boggione, Torino, Unione tipografico-editrice torinese, [2002] (Classici italiani)
    (pp. 513-514)
  • LONARDI-AZZOLINI 1992B = Manzoni Alessandro, Tutte le poesie, 1797-1872, a cura di Gilberto Lonardi, commento e note di Paola Azzolini, Venezia, Marsilio, 1992 (Letteratura universale. Esperia)
    (testo p. 212; nota al testo e commento pp. 440-441)
  • CHIARI-GHISALBERTI 1957 = Manzoni Alessandro, Poesie e tragedie, Milano, Mondadori, 1957 (Tutte le opere di Alessandro Manzoni, a cura di Alberto Chiari e Fausto Ghisalberti, “I classici italiani", vol. I)
    (testo p. 240; nota al testo pp. 904-905)
  • SANESI 1954 = Manzoni Alessandro, Poesie rifiutate e abbozzi delle riconosciute, a cura di Ireneo Sanesi, Firenze, Sansoni, 1954
    (testo p. 122; discussione p. CXLI)
  • BARBI-GHISALBERTI 1950 = Manzoni Alessandro, Scritti non compiuti. Poesie giovanili e sparse, lettere, pensieri, giudizi, con aggiunta di testimonianze sul Manzoni e indice analitico, in Manzoni Alessandro, Opere di Alessandro Manzoni, Centro Nazionale di Studi Manzoniani, a cura di Michele Barbi e Fausto Ghisalberti, Milano, Casa del Manzoni - Firenze, Sansoni, 1942-1950 (3 voll.)
    (p. 102)
  • GHISALBERTI 1941 = Ghisalberti Fausto, Nuovi autografi manzoniani, in «Annali manzoniani», 2, 1941, pp. 237-252
    (p. 245)
Edizione del testo in preparazione

Scheda di Margherita Centenari | Cita questa pagina