[Versi per una prima Comunione]

Insieme editoriale: Poesie / Poesie religiose

Versi eucaristici composti da Manzoni prima del 1823 su richiesta del canonico di Sant’Ambrogio Luigi Tosi, il quale li fece stampare presso il tipografo milanese Vallardi sotto una immagine sacra da distribuire ai giovani comunicandi, raffigurante san Luigi nell’atto di ricevere la prima comunione da san Carlo Borromeo. Sotto il profilo metrico, sintattico e retorico, le due strofette sono caratterizzate da una accentuata semplicità e orecchiabilità, sulla quale influisce la «ripresa di metri tipici delle arie del melodramma, comunque non così lontane dagli inni liturgici» (FRARE 2017, p. 271). Manzoni celebra il sacramento dell’eucarestia che rinnova l’incontro con Cristo fino al ricongiungimento estatico e definitivo dell’anima con Lui, che si realizzerà con la morte.

Incipit
Vieni, o Signor, riposati
Metro
due quartine di settenari legate dalla rima tronca dei vv. 4 e 8, secondo lo schema a”bbc’ d”eec’
Storia del testo

La genesi dei Versi per una prima Comunione è documentata dalle note presenti su tre delle quattro copie esemplate da Teresa Stampa, le prime due conservate presso il Centro nazionale di studi manzoniani e la terza e la quarta conosciute per via indiretta, rispettivamente grazie al facsimile riprodotto da FLORI 1930, p. 408, e alla trascrizione riportata da FRESCURA 1941, p. 230. Nella prima copia si legge di mano della Stampa «Ancora due strofe di Manzoni per la Prima Comunione, che il Canonico Curato Tosi di S. Ambrogio a Milano (poi vescovo di Pavia) ottenne che Alessandro facesse apposta per que’ suoi fanciulli» (Fondo Stampa, busta 4); nella copia trasmessa da Flori, la moglie dello scrittore specifica che i Versi vennero stampati per interessamento del Tosi «da Vallardi, appiedi di un’immagine di S. Carlo Borromeo che fa a S. Luigi la prima Comunione», mentre nella copia rintracciata da Frescura aggiunge che l’immaginetta fu distribuita «a quelli ai quali fece lui stesso la prima Comunione» (vd. SANESI 1954, pp. CCXXI-CCXXII).

Il termine ante quem per la composizione delle due strofette eucaristiche è stato fissato dalla critica al 16 maggio 1823, quando Luigi Tosi divenne vescovo e passò da Milano a Pavia. Inoltre, MORONI 1982 p. 181 ha precisato ulteriormente la datazione, rilevando che i vv. 3-4 «Sgombra da’ nostri affetti / ciò che immortal non è» appartenevano originariamente alla seconda redazione della Pentecoste, avviata il 17 aprile 1819, e da qui vennero espunti, insieme a molti altri passi, nella versione definitiva del 1822 (sulle diverse fasi redazionali della Pentecoste vd. ALBONICO 1987, pp. 213-219 che riprende le considerazioni di Ornella Moroni alle pp. 218-219). I Versi per una prima Comunione furono editi per la prima volta nel 1880 da Luigi Venturi che li aveva ottenuti da Achille Mauri, amico del Manzoni, con un paio di varianti genetiche rispetto alle copie di Teresa, «rianima» al v. 1 in luogo di «riposati» e «Discendi: ogni tua visita» al v. 5 in luogo di «Sei nostro! Ogni tua visita». Alle informazioni già note, Venturi aggiunse che, per la stampa dell’immagine sacra, Vallardi si servì di un’incisione in rame del milanese Tenenti (Vd. VENTURI 1880, pp. 167-168).

Nel 1982 Ornella Moroni ha rintracciato alla Biblioteca Vaticana il manoscritto Vat. lat. 13951, costituito da una stampa volante, senza data, del tipografo Pirola delle Strofe per una prima Comunione su cui Manzoni vergò a penna nei margini alcuni versi anepigrafi: nel margine sinistro, i versi «Chi dell’erbe lo stelo compose?», intitolati all’All’Offertorio nelle Strofe, e nel margine destro i Versi per una prima Comunione. Per questi ultimi l’autografo reca al v. 5 la variante «Sii nostro», testimoniata anche da due copie di Teresa, in luogo della lezione «Sei nostro» trasmessa dalle altre copie e accolta da tutti gli editori, fino a FRARE 2017, pertanto MORONI 1982, p. 182 ipotizza che la lezione «Sei nostro» sia una banalizzazione da imputare a Teresa Stampa. Infine, l’aggiunta dei Versi per una prima Comunione in margine alle altre Strofe eucaristiche nel Vat. Lat. 13951 sembrerebbe attestare l’intenzione, poi abbandonata da Manzoni, di includere anch’essi nella serie delle Strofe (cfr. MORONI 1982, p. 183, e ISELLA 2003, p. 456).

Date di elaborazione

1822-1823


Testimoni manoscritti (vedi tutti)
  • Vat. lat. 13951 • Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana
    (Autografo su stampa volante Pirola delle "Strofe per una prima Comunione")
  • Fondo Stampa, busta 4 • Milano, Biblioteca del Centro nazionale di studi manzoniani
    (Copia di Teresa Stampa)
  • Fondo Stampa, busta 2 • Milano, Biblioteca del Centro nazionale di studi manzoniani
    (Copia di Teresa Stampa)
  • Fondo Stampa, busta 1 • Milano, Biblioteca del Centro nazionale di studi manzoniani
    (Copia di Teresa Stampa)

Prima edizione
  • VENTURI 1880 = Manzoni Alessandro, Cori delle tragedie. Strofe per una prima Comunione. Canti politici. In morte di C. Imbonati. Urania. Sermoni. Frammenti d'inni, versi e sonetti, dichiarati e illustrati da Luigi Venturi, Firenze, Sansoni, 1880
    (pp. 167-168)

Edizioni di riferimento
  • FRARE 2017 = Manzoni Alessandro, Inni sacri e odi civili, Introduzione e commento di Pierantonio Frare, Milano, Centro nazionale studi manzoniani, 2017 (Edizione nazionale ed europea delle opere di Alessandro Manzoni, 1)
    (pp. 271-273)
  • BOGGIONE 2002 = Manzoni Alessandro, Poesie e tragedie, a cura di Valter Boggione, Torino, Unione tipografico-editrice torinese, [2002] (Classici italiani)
    (pp. 517-521)
  • LONARDI-AZZOLINI 1992B = Manzoni Alessandro, Tutte le poesie, 1797-1872, a cura di Gilberto Lonardi, commento e note di Paola Azzolini, Venezia, Marsilio, 1992 (Letteratura universale. Esperia)
    (testo p. 213, nota al testo e commento pp. 441-442)
  • CHIARI-GHISALBERTI 1957 = Manzoni Alessandro, Poesie e tragedie, Milano, Mondadori, 1957 (Tutte le opere di Alessandro Manzoni, a cura di Alberto Chiari e Fausto Ghisalberti, “I classici italiani", vol. I)
    (testo a p. 241, note a p. 905)
  • SANESI 1954 = Manzoni Alessandro, Poesie rifiutate e abbozzi delle riconosciute, a cura di Ireneo Sanesi, Firenze, Sansoni, 1954
    (testo p. 157; discussione pp. CCXXI-CCXXII)
  • BARBI-GHISALBERTI 1950 = Manzoni Alessandro, Scritti non compiuti. Poesie giovanili e sparse, lettere, pensieri, giudizi, con aggiunta di testimonianze sul Manzoni e indice analitico, in Manzoni Alessandro, Opere di Alessandro Manzoni, Centro Nazionale di Studi Manzoniani, a cura di Michele Barbi e Fausto Ghisalberti, Milano, Casa del Manzoni - Firenze, Sansoni, 1942-1950 (3 voll.)
    (p. 101)
Edizione del testo in preparazione

Scheda di Carmela Marranchino | Cita questa pagina