MANZ. 15. 0016.C/ 03 [Postillato] Milano, Biblioteca Nazionale Braidense

1.

Pagina: 12

dare il malanno

2.

Pagina: 18

Stai lì come un ceppo

3.

Pagina: 23

fa a modo mio

4.

Pagina: 27

Ho in casa non so che ruspi smaniosi. Portali a me: gli acquisterò io. Carina, davvero!

5.

Pagina: 27

risparmiare

6.

Pagina: 30

commetti un sacrilegio

7.

Pagina: 38

colla sua penna di lui

8.

Pagina: 40

vuol far tutto in fretta

9.

Pagina: 41

Non ci vogliam far pigliare a sassi

10.

Pagina: 42

Fate conto che per ridere abbiam risposto anche noi. Via fatemi questo servigio per le poste, e non per vettura. Non dico andar di carriera, ma uscir di passo.

11.

Pagina: 44

La sapete a menadito: siate benedetti.

12.

Pagina: 44

Questo aggraverà il caso.

13.

Pagina: 48

che furbi!

14.

Pagina: 50

così così

15.

Pagina: 51

tanto siete cortesi

16.

Pagina: 62

franc: jusqu'à extinction

17.

Pagina: 62

Malanno a voi

18.

Pagina: 62

È apparecchiato per te.

19.

Pagina: 63

senza forse

20.

Pagina: 63

pian piano

21.

Pagina: 63

è lì subito

22.

Pagina: 64

gli mando un libello

23.

Pagina: 66

Vuoi

24.

Pagina: 66

Ogni razza di gente

25.

Pagina: 66

nè più nè meno

26.

Pagina: 67

Brava Venere!

27.

Pagina: 70

Come diamine?

28.

Pagina: 70

Che mi conti?

29.

Pagina: 75

porrà alle strette

30.

Pagina: 75

E ti so dire, in modo che non possa dare un crollo

31.

Pagina: 75

È sotterra

32.

Pagina: 76

Mihi commoditatem creas

33.

Pagina: 79

Che testimoni?

34.

Pagina: 79

Qualche santo ti aiuterà.

35.

Pagina: 80

furon portati via

36.

Pagina: 87

se avvenga altro di me (?)

37.

Pagina: 93

non siate troppo contenti

38.

Pagina: 96

Ti vorrei più saggia

39.

Pagina: 97

ha consumato

40.

Pagina: 99

pensatamente

41.

Pagina: 101

cheto come olio

42.

Pagina: 107

ho io le traveggole?

43.

Pagina: 108

schiuma de' ribaldi

44.

Pagina: 109

prendere in sul serio

45.

Pagina: 111

Vuoi dir del pranzo

46.

Pagina: 124

avrei risparmiato volentieri

47.

Pagina: 125

parli senza rispetto

48.

Pagina: 127

vedi bel negozio che fai!

49.

Pagina: 127

contrassegno

50.

Pagina: 127

fissato

51.

Pagina: 128

buttin fuori

52.

Pagina: 129

Degli ohimè quanti ne volete

53.

Pagina: 130

Son risoluto

54.

Pagina: 131

non aver paura

55.

Pagina: 131

s'io aguzzo i miei ferri

56.

Pagina: 131

Ogni speranza de' fatti miei

57.

Pagina: 133

questo è il loro fare

58.

Pagina: 133

piuttosto

59.

Pagina: 133

Se non vi snighittite

60.

Pagina: 134

parti

61.

Pagina: 134

colle cattive

62.

Pagina: 134

sono altrove

63.

Pagina: 134

così si fa

64.

Pagina: 135

<...> trattare

65.

Pagina: 135

innanzi

66.

Pagina: 135

>vi aspetta<

67.

Pagina: 136

Oggi vedrò chi ho da liberare e chi ho da vendere

68.

Pagina: 136

Plauto morì sotto il consolato di P. Claudio Pulcro e di L. Porcio Licino. In quell'anno fu eletto censore il gran Catone. Vedi quel che dice il savio Rollin dell'uomo e della carica. C'était dans cette vue que les romains avaient établi les censeurs, pour être comme gardiens, inspecteurs et réformateurs des moeurs, pour empêcher que l'on ne quittât le chemin de la vertu, etqu'on ne se jetât dans celui de la volupté et du vice. Catone poi era la virtù stessa: bisogna vedere le riforme che introdusse e quelle che tentò. Ma pensò [<i>su questa</i>] egli a riformare questa usanzetta che un uomo prostituisse a suo capriccio al popolo quante donne poteva avere in proprietà? Che? Catone non era un <i>songe-creux</i>, un di questi ottimisti teorici: era un uomo <i>positivo</i>, un uomo grande, e i suoi ammiratori? grandi, sto per dire quanto lui!

69.

Pagina: 136

a frotte

70.

Pagina: 137

ma zitto e attento

71.

Pagina: 139

te le farò pagar tutte in una volta

72.

Pagina: 140

gli darò, per la sua festa, un malanno ben condizionato

73.

Pagina: 142

c'è chi v'ha da dir due parole

74.

Pagina: 142

di grazia, si può egli esser lasciato stare?

75.

Pagina: 143

Di grazia, si può egli esser lasciato stare?

76.

Pagina: 143

te n'ho dato fin che ne ho avuto.

77.

Pagina: 143

te ne darò quando ne avrò

78.

Pagina: 143

Fa' un po' il conto

79.

Pagina: 143

incenso ai morti

80.

Pagina: 144

cammina tu

81.

Pagina: 144

pianterei la cerimonia

82.

Pagina: 144

Che si fa?

83.

Pagina: 146

Non c'è pericolo che tu dia un buon parere (?)

84.

Pagina: 145

per fargli dispetto

85.

Pagina: 147

A credenza eh? Puoi forse dolerti d'aver fatto male i tuoi affari con costui?

86.

Pagina: 152

>in precise parole<

87.

Pagina: 152

>E posate anche<

88.

Pagina: 153

Non andrei tanto di buone gambe

89.

Pagina: 154

gli è tutto fatto mio

90.

Pagina: 157

non d'un addormentato d'un che dorma d'un dormalfoco

91.

Pagina: 157

Tempori ego faxo scies

92.

Pagina: 158

perdi il tempo in parole

93.

Pagina: 158

perdi il tempo in parole

94.

Pagina: 158

non c'è al mondo

95.

Pagina: 159

Questa è spacciata; l'affare è sulle secche.

96.

Pagina: 158

n'ebbe odore.

97.

Pagina: 159

Lì vorrei vedervi tutti impiccati

98.

Pagina: 160

Caro vecchietto

99.

Pagina: 160

patrizza

100.

Pagina: 160

questo è franc.: voila ce qui s'appelle

101.

Pagina: 161

sta così come vedete

102.

Pagina: 161

Vedi se non istà da re. Mil(ane)se

103.

Pagina: 161

portar la testa alta

104.

Pagina: 161

Apri ben gli orecchi

105.

Pagina: 162

a tuo conto

106.

Pagina: 163

Che è di certe venti mine…?

107.

Pagina: 163

Quia nolebam ex me morem praegigni malum

108.

Pagina: 164

ti ho tenuto al buio

109.

Pagina: 164

in pronto apparecchiato meglio: in aria

110.

Pagina: 164

c'eran de' giornerelli. >… … < >… … <

111.
112.

Pagina: 171

a monte tutto

113.

Pagina: 171

risparmia il picchiare

114.

Pagina: 172

Come sarebbe a dire

115.

Pagina: 175

Sai che è?

116.

Pagina: 177

M(ane)se: quel vassel d'ona donna

117.

Pagina: 177

Che tu mi venga a chiamar colà

118.

Pagina: 177

Di non farti cercare. Lasciati trovare. fa ch'io ti trovi

119.

Pagina: 178

m'ha dato la vita

120.

Pagina: 186

Ma se è colto sul fatto?

121.

Pagina: 187

defaectam 'st:

122.

Pagina: 190

>la bestaia non ne vuole< le bestie non ne vogliono

123.

Pagina: 200

per traverso

124.

Pagina: 202

uno in dieci

125.

Pagina: 203

Lo sapeva io!

126.

Pagina: 206

Chi è che ritarda?

127.

Pagina: 211

bada che non ci sia dentro qualche macchina di colui

128.

Pagina: 212

la gente (?)

129.

Pagina: 213

populi

130.

Pagina: 215

se' tirato spesso pel ferraiolo

131.

Pagina: 218

che s'ha a fare? che parer mi dai?

132.

Pagina: 221

Milanese: >non t’ho veduto.< >… …< non so >g<nanca de che color el sia.

133.

Pagina: 224

non te l'ho detto le cento volte?

134.

Pagina: 224

Dammi il danaro, e poi vatti impicca

135.

Pagina: 226

mi bisognerà venire alle brusche, il vino ha questo maledetto vizio

136.

Pagina: 227

finchè passasse >l'ubbriacatura< l'ubbriachezza

137.

Pagina: 247

tutto il mio avere.

138.

Pagina: 252

disdegnosa

139.

Pagina: 254

Francese: à notre toilette

140.

Pagina: 258

Così è

141.

Pagina: 258

contra il mio solito

142.

Pagina: 259

Ariolare.

143.

Pagina: 259

Mi dai una bona (su buona) nova davvero

144.

Pagina: 260

rigoroso

145.

Pagina: 261

l'è chiara

146.

Pagina: 262

perchè non avesse modo di

147.

Pagina: 263

Ora, il meglio sarà che…

148.

Pagina: 267

sal' mi sia

149.

Pagina: 271

invidio la tua sorte beati giunchi!

150.

Pagina: 271

fossi della condizion dell'anitre come le anitre

151.

Pagina: 271

mettersi, porsi, locem acconciarsi

152.

Pagina: 271

>di santa ragione<

153.

Pagina: 272

ho dato retta a te

154.

Pagina: 272

ho dato retta a te

155.

Pagina: 272

potrei far danari iure optimo a balle. a macca. a iosa. a sacca

156.

Pagina: 272

son ridotto

157.

Pagina: 272

Fanciulle, è vero?

158.

Pagina: 274

Fanciulle, è vero?

159.

Pagina: 274

M'hai seccato, è vero?

160.

Pagina: 275

non ho bisogno non so che fare

161.

Pagina: 286

conciato

162.

Pagina: 24

<I>un malanno

163.

Pagina: 25

a che fare?

164.

Pagina: 70

Dà una mano

165.

Pagina: 72

d'esser rovinato per tua cagione

166.

Pagina: 75

Non facciam nulla, se non si batte il ferro mentre ch'egli è caldo.